stampacinidoc


Vai ai contenuti

IL VIAGGIO

SANT'EFIS




SARDAE PATRONUS INSULAE




Efisio nasce nel 273.d.C. a Gerusalemme, chiamata Aelia capitolina dai romani.
Ancora fanciullo viene affidato all’imperatore romano Diocleziano che lo conduce con sé a Roma. Entrato,nel tempo, nelle file legionarie raggiunge ben presto l’alto grado di duce dell’impero.
Comandato dall’imperatore Diocleziano di combattere le genti e i cristiani in Sardegna, parte per Gaeta a capo di un contingente militare. Oltrepassata Urittania, una notte piena di nembi e tuoni fragorosi vede in cielo una luminosa croce, e sentire una voce dall’alto: -“Efisio, da dove vieni? , Dove vai?” – Pieno di timore il condottiero rispose: -“Mi conosci Signore?, vengo da Antiochia. Per comando di Diocleziano vado a combattere le genti e i cristiani dell’isola di Sardegna” – “ Tu mi hai combattuto”- dice ancora la voce dall’alto – “ Ora combatterai per me. In virtù della croce che ti ho mostrato vincerai tutti i tuoi nemici e la mia pace sarà sempre con te”. – E la croce che Efisio a visto su in cielo ora si imprime nel palmo della sua mano destra
Giunto a Gaeta, Efisio si fa confezionare una croce d’oro da un certo Giovanni, e battezzare nelle fede di Cristo.
Tra un naufragio e tante battaglie militari sostenute e vinte, giunge alla città di Cagliari ,dove, deposte le armi, inizia un intensa attività di apostolato cristiano evangelizzando gli abitanti del luogo.
Diocleziano venuto a conoscenza di questa conversione, e visti i vani i suoi tentativi per riavvicinarlo agli dei romani, pieno d’ira, nomina preside con pieni poteri l’ufficiale Giulico –Giulio Iulcio- e lo invia nella città di Cagliari con l’ordine di arrestare Efisio, Imprigionarlo e sottoporlo a tortura, se non dovesse abiurare.
Nonostante le fustigazioni, le torture con ferri roventi che gli maceravano le carni e il fuoco ardente della fornace, Giulico non riuscì nel suo intento. Efisio di giorno subiva le torture dei suoi carnefici, di notte riceveva la visita degli angeli che lo guarivano di tutti i suoi mali.
L’ufficiale Flaviano, nominato preside e successore di Giulico, constatata l’inutilità delle pene e delle torture inflitte al beato Efisio, lo condanna per direttissima alla pena capitale per spada.
Il diciottesimo giorno delle calende di febbraio dell’anno 303, sotto il dominio di Diocleziano, essendo preside Flaviano, il beato martire Efisio affidando l’anima a Dio e alzando le braccia al cielo, conclude la sua vita terrena nel luogo che è detto Nuras, presso ca città di Cagliari, nell’isola di Sardegna.
....." In manus tuam , Domine , commenta spiritum meus "
“… Per tutti gli abitanti di Cagliari che implorano grazia e salvezza con l’intercessione del tuo servo Efisio, concedi loro grazia e la liberazione dalla loro tribolazione…”

efisiosanna




















"EFIS SBALLIAU" statua cinquecentesca non si conosce lo scultore



Statua della fine del'700-realizzata dallo scultore stampacino Lonis



Questo Simulagro è quello che viene portato in processione per la
Sagra del I° Maggio. La Statua è del 700 realizzata anchessa dal Lonis


































- 30 Aprile: ore 10.00 L' Ornamento della Statua
con gli ex voto






30- 4- 1999 - Tonio Scameroni e Renato Sarais




- 30 Aprile : ore 12.00 SS.Messa con Intronizzazione del
Santo nel Cocchio







IL VIAGGIO – PELLEGRINAGGIO DI EFISIO


Tutti gli anni dal 1656, al veneratissimo Santo di Stampace viene tributata una grande festa per sciogliere il voto espresso dalla Municipalità della città di Cagliari nel lontano 1652.
In quell’anno sbarcò a Cagliari la pestilenza portata da un bastimento proveniente da Alghero. Gli Amministratori Civici visti vani tutti i tentativi per arginare la gravissima calamità, si invocarono al Santo di Stampace chiedendo la sua intercessione, promettendogli di rendere la sua festa più sfarzosa e solenne.
“… per tutti gli abitanti di Cagliari che implorano grazia e salvezza con l’intercessione del tuo servo Efisio, concedi, o Signore, grazia e la liberazione dalla loro tribolazione….”. La falce mortale che tante vite ha mietuto, tra le quali anche quella dell’allora arcivescovo, si arresta e la peste cesso per la intercettazione di Efisio.
Il motore organizzativo della festa venne demandata dal quel Consiglio Civico alla Confraternita del Gonfalone sotto l’intercessione di sant’Efisio Martire, sostenuto tangibilmente dal Consiglio municipale.
Il primo Maggio alle ore 12 in punto il simulacro di Efisio si affaccia sulla breve piazzetta della chiesa stampacina, gremita di devoti, dentro un cocchio splendente d’oro.
Percorrendo le vie cittadine e facendo tappa, nel suo consueto itinerario, a Giorgino dove la famiglia Ballero provvede alla sostituzione delle vesti con altre più semplici, riparte per la Maddaena Spiaggia, Su Loi, Sarroch, Villa San Pietro e Pula arrivando a Nora dopo tanto peregrinare all’imbrunire del giorno due. Nel pomeriggio del giorno successivo sant’Efisio effettua una breve visita del luogo del suo martirio. Subito dopo riparte per la chiesetta di Stampace dove vi giunge , non prima di una piccola sosta nella cappella privata dei marchesi Manca di Villahermosa a Villa D’Orri, la notte tarda del quattro.
Presenti le autorità ecclesiastiche e civiche, dall’ambone della chiesa , il 1° Guardiano dell’Arciconfraternita comunica ufficialmente: “ Signor Sindaco, Le partecipo che il voto espresso dalla Municipalità di Cagliari nel lontano anno 1652 anche quest’anno è stato sciolto”.
Il viaggio –pellegrinaggio non sempre si è svolto con la necessaria sicurezza se si dovette ricorrere ai miliziani, come scorta al cocchio col simulacro e dei pellegrini al seguito, contro i banditi che infestavano il territorio lungo il percorso.
Rimandi, variazioni al percorso canonico e durata dei giorni, non sono mancati.
Un anno la partenza subì il rimando di un mese circa, e in un altro fu ritardata di sette giorni. Una volta la processione si svolse in forma molto semplice: tutti a piedi. Campidanesi, miliziani e la Guardiania. Per due volte l’itinerario cambio percorso passando non più per la Scaffa, ma attraversando alcuni paesi e per Capoterra giungere a Maddalena Spiaggia, dove poi continuò il solito tragitto. Il Santo Stampacino venne, un anno , trasportato a spalla dai reduci in divisa militare della guerra del 1915/18.
Nel maggio del 1943 la processione ebbe luogo per l’interessamento di un gruppo di devoti fedeli al culto del Santo, che intervenendo presso la Curia, la Prefetture e la Questura riuscirono a ottenere l’autorizzazione allo svolgimento del pellegrinaggio, Stavolta Efisio visse il suo viaggio a bordo di un camioncino della ditta Giannetto Gorini, mentre il confratello Gigetto Boi e il cav. Mario Atzori si adoperarono a Villa San Pietro, Pula e Nora. Il viaggio avvenne in tristezzae pianto passando tra le macerie e case distrutte.
Nonostante ogni sorta di difficoltà nel corso dei secoli , l’Arciconfraternita del Gonfalone custode del lascito del 1952 e attenta osservante della tradizione, ogni anno rinnova l’impegno assunto per la gioia dei fedeli e degli abitanti di Stampace tra un tribudio di fiori e di colori.
La festa non si conclude con il rientro del simulacro di Efisio alla sua chiesetta di Stampace , ma continua fino al giorno 25 con un novenario e concludersi con la sacra funzione delle 48 ore.

efisiosanna



QUI INIZIA IL VIAGGIO DI EFISIO
CHE DURERA' BEN QUATTRO GIORNI




1 M A G G I O
____________



1968 - si riconoscono: Liberuccia Fiori , Ida Disco, Gesuina Melis,









Via Azuni












1930 - Via Azuni








1930 - P.zza Yenne









1936 - Via Sassari Rosario Mureddu e Teodoro Meloni



1964/65 - Collaterale sul lato dx. ANTONIO PIRAS, su carradore: Ziu Lecca, dietro
il Cocchio si riconoscono, E. Carta , Denaci.




1956 - via Roma - Is Lantonieris : il primo a sinistra Raffaele PILLONI



















I° Sosta : Giorgino



I° Maggio - Giorgino - ingresso nella tenuta Ballero






1962 - La Maddalena Spiaggia


2 - 5 - 1935 - La Maddalena Spiaggia - In casa della famiglia Aramu





2° Sosta : Su Loi
__________________







3 Sosta : Villa D'Orri
________________







1- 4- 1960 - SS.195 - Da Villa D'orri verso Sarrock .Nella foto sulla destra:
Angelo Lai al suo fianco la figlia Antonella col piccolo ? -



4° Sosta : Sarrock
_______________




2-5-1957 - Sarroch - Visita alla famiglia Tiddia


























2 M A G G I O
____________


Il 2 maggio. il Santo alle ore 08.00 lascia Sarroch per raggiungere Villa San Pietro
e dopo una breve processione all'interno del paese si dirigerà verso Pula



Villa San Pietro



4-5-1937 - San Pietro di pula (ora Villa S. Pietro)



Villa San Pietro - M.Sanna- T.D'Angelo - P.Schirra- N.Sanna- Burraschi- Solinas




5° Sosta: Pula
____________
















































VI° Sosta : Nora
______________





3-5-1957 - Nora : in primo piano E.Carta



Nora 3 -5 -1963 - si riconoscono : Denaci , Q. Schirra . Il vigile urbano
in grande uniforma Antonio Marcialis




3-5-1936 - Nora , pranzo offerto agli indigenti







NORA : 3 - 5 - 1936 -




QUI FINISCE IL VIAGGIO D'ANDATA





6-5-1932 - Nora





4 M A G G I O
____________





4- 5- 1967 - Villa San Pietro - Al centro con il cestino Tore Lai all a sua sx.
Cav. Atzori , alla dx. - ? -



4- 5- 1967 villa D'Orri - Il Simulacro viene deposto all'interno della
cappella privata dei Nobili Manca di Villahermosa. Nella foto da sx. :
ToreLai, Francesco Lai, Antonitta Lai, ? -




4 -5- 2008 - Giorgino , " Sa Ramadura " tenuta Ballero: aspettando
il rientro di Sant'Efisio



4- 5- 2008 Giorgino: il rientro del Santo ,passando davanti al
Villaggio Pescatori



4 - 5 - 2004 - Via Roma : rientro del Santo




4 Maggio - P.ta Sant'Efisio









4 Maggio - Andrea Loi , già 1° Guardiano della Arcirconfraternita, dall'ambone
della chiesa comunica ai fedeli alle autorità ecclesiastiche e civiche, che
il voto espresso dalla Municipalità di Cagliari nel lontano 1652, anche
quell''anno è stato sciolto.


FINE DEL VIAGGIO


Per me Stampacino e penso così anche gli altri od ex, il momento più
bello della festa è quella del 4 Maggio, ovvero il rientro di Efisio nella
propia casa a Stampace di notte è un momento quasi intimo.
E' molto suggestivo vedere la via Sant'Efisio illuminata dai ceri votivi
tenuti tra le mani dei vari componenti dei gruppi in costume sardo ed
poi spuntare giù all'angolo della via Azuni girando per la Sant'Efisio il
Cocchio col Santo trainato dai buoi quasi stanco. Sembrano volerlo
sospingere verso la Chiesa di Stampace dove ad attenderlo non
mancheranno certo gli Stampacini.

BENI TORRAU - ATTRUS ANNUS EFIS









LE TAPPE CHE PRECEDONO LA GRANDE FESTA DEL
1° MAGGIO



19 Marzo : insediamento della Guardiania




Lunedi' di Pasqua : ore 11.00 , benedizione dei buoi che
traineranno il Cocchio il 1° Maggio






- 25 Aprile: alle ore 9 celebrazione della SS. Messa,
conseguentemente introduzione del Cocchio in Chiesa









- 25 Aprile: alle ore 17.00 passaggio della bandiera del
Gonfalone fra il Guardiano uscente e il nuovo eletto



Nella foto insediamento del del nuovo III°Guardiano Roberto Solinas




Consegna della bandiera ai Miliziani



- 29 Aprile : alle ore 18.00 , Rito della vestizione
del Santo


- Nella foto le consorelle : a sx. Pina Russo a dx. Luisella Atzeni




- Alessandra Del Rio










Il Simulacro al termine dell'Ornamento










30 - 4 -1976




Sa Guardiania


P.ta Sant'Efisio - Confratelli col saio penitenziale

















1961 - Via Sant'Efisio




1962 - Via Azuni




Primi anni sessanta - Il collaterale è
Antonio Piras, sul lato dx. Antonino Marcialis



1850 - Corso Vittorrio Emanuele






1933 - Via Sassari









V.le La Plaia


1935 - Sa Scaffa 4° Reggia











Giorgino: cambio del Cocchio












1936 - La Maddalena Spiaggia
















































1-5-1989 - Villa D'Orri



1957 - Villa D'Orri






















4-5-1939 - San Pietro di Pula -(ora Villa S.Pietro) - seduti: Marcialis - Gilio - Boi
in piedi Meloni - Denaci - 3° Guardiano Carta - Defraia





















3-5-1947 - Pula - da sx. : il sindaco -,- Dr.Follese - N.Sanna











1980 - Nora



Nora 1939 - 3° Guardiano E. Carta


3-5-1920 - Nora : pranzo di gala



Si riconoscono: Seduti da Sx - M.Sanna- ? - A. Piu - ? - C. Manunza- ? - G. Sanna -
A. Marcialis ---- Sdraiato : Nino Sanna --- In piedi :
Cau - ? - ? - E. Denaci - E. Carta - T. Meloni - P. Abis - ? - R. Mureddu-
A. Mulas - ecc.


1979 Nora - Gruppo confratelli Sant'Efisio











Nel tardo pomeriggio del 3 maggio, il Santo verrà
riposto nel Cocchio arrivato nel frattempo da Pula,
per iniziare il suo viaggio di ritorno verso Cagliari




















4- 5- 1932 - Flumini e Binu : pranzo in campagna



4- 5- 1967 -Villa D'Orri - Quintino Schirra , Angelo Lai , alle loro
spalle Gino Casti
















4-5-2008- Giorgino: ingresso del Cocchio nella Tenuta Ballero



4 -5 - 2008 - V.le La Plaia


























PRIMU PAGINA | STAMPAXI | IS CRESIAS | SU CARNEVALI | IS GIOGUS | SANT'EFIS | IS FOTOGRAFIAS | FOTOGRAFIAS | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu